“Presentiamo in Senato il libro di poesie di Anna Segre ‘La distruzione dell’amore’ con orgoglio. Sono poesie che danno forza, incentivano l’autonomia delle donne e leggono il sentimento d’amore, che è anche conflitto, come crescita. Dobbiamo saper riconoscere che la relazione di due donne in amore o quella di una rete di donne in politica devono essere alimentate anche dal conflitto, che muove il cambiamento”. Lo ha detto la senatrice del Pd Valeria Fedeli, presentando in Senato il volume, edito da InternoPoesia, finalista al Premio Camaiore, nella Sala Nassirya del Senato, insieme con l’autrice, con Flavia Fratello, giornalista, con Valeria Maniero, radio Radicale e cofounder Le Contemporanee e con l’artista Evelina Meghnagi, che ha cantato in ebraico alcune delle poesie della raccolta.
“Questo libro ci aiuta in un momento non felice, dopo anche la pandemia” – ha detto Valeria Manieri. “La poesia – ha spiegato Anna Segre, poetessa e psicoterapeuta – ci dà l’opportunità di dire qualunque cosa. Le parole costruiscono il mondo e allora devono cambiare per costruirlo bene. Ridefinire e riraccontare la realtà. La poesia ha dunque un ruolo politico. Non a caso in ebraico la parola è davar, che vuol dire anche cosa. Perciò la scelta di usare l’ebraico”. Per Flavia Fratello: “la protezione nel rapporto uomo-donna spesso può subire una degenerazione diventando prevaricazione. In questo libro di poesie, che parla d’amore, non c’è questo aspetto, perché si tratta di poesie scritte da una donna”.


Ne Parlano