“Oggi con l’entrata in vigore del decreto n.151 di attuazione del Jobs act mettiamo fine a una delle peggiori piaghe del nostre paese, le c.d. “dimissioni in bianco. Negli ultimi nove anni, da quando il governo Berlusconi aveva abrogato la norma, molti lavoratori e in particolare lavoratrici, erano costretti a firmare le proprie dimissioni in anticipo, al momento dell’assunzione. Ora, con la norma introdotta dal Jobs Act,la procedura per risolvere consensualmente il contratto di lavoro sarà attraverso un modulo certificato e scaricabile online. Nei prossimi mesi monitoreremo con il Governo l’efficacia di questa procedura, in modo da evitare ogni possibile problema”.
Lo dichiara la senatrice del Partito democratico Annamaria Parente, capogruppo in Commissione Lavoro a Palazzo Madama.


Ne Parlano