“E’ davvero vergognoso quanto affermato e annunciato dal ministro Bonafede. Inseriscono dentro il decreto milleproroghe un  provvedimento che blocca la riforma delle intercettazioni. E, in più, trova modo di attaccare il Pd. Questo è un modo cialtronesco, propagandistico e in malafede di affrontare una questione molto seria. Il Pd non ha mai voluto metter il bavaglio a nessuno ma solo evitare l’abuso di uno strumento che spesso è stato usato in maniera arbitraria. Bonafede, che di mestiere dovrebbe fare il ministro della Giustizia, vuole solo ripristinare l’abuso delle intercettazioni”.